«Ho visto gli attacchi dell’11 settembre dalla finestra di casa mia»

«Ho visto gli attacchi dell’11 settembre dalla finestra di casa mia»

Parlano dell’evento che oggi compie vent’anni come quello che ha cambiato il mondo che conoscevamo. Non c’è quasi nessuna persona adulta che non ricordi cosa stava facendo l’11 settembre 2001, ma solo pochi hanno vissuto direttamente quei due impatti contro le Torri Gemelle. Queste quattro persone dell’Estremadura lo ricordano OGGI.

Juan Manuel Benítez Fernel aveva 27 anni e viveva lì da due quando è successo tutto. Ha vissuto gli attacchi e il successivo processo di lutto e di guarigione. Santiago Moleón era in visita e aveva programmato di scalare quei grattacieli un giorno e mezzo prima del più grande attacco terroristico della storia recente. “Eravamo appena arrivati ​​e ricordo che entrai a casa dei miei suoceri – racconta quest’ultimo – e la tv era accesa. Si poteva vedere quello che sembrava un incidente appena avvenuto nelle Torri Gemelle, che stavano bruciando. Raccontarlo adesso mi fa rizzare i capelli, ed è che un giorno e mezzo prima ero stato lì con mia moglie».

Il proprietario di questa memoria è Santiago Moleón, che aveva appena sposato María José Prieto. Sono una delle ultime persone che hanno foto ai piedi di quello che erano le Torri Gemelle. Hanno trascorso la prima parte della loro luna di miele nella Riviera Maya e la seconda tra Stati Uniti e Canada. In questo viaggio di due settimane hanno fatto scalo a New York e una volta nella Grande Mela parte del piano era di andare al World Trade Center. “Stavamo per salire proprio il giorno prima di imbarcarci per tornare in Spagna, ma mi ha fatto venire le vertigini, quindi abbiamo deciso di rimanere. Appena arrivato in Spagna sono andato a lavorare e quel giorno è successo di tutto. C’è chi mi dice che è un peccato non essere stato lì a vivere un’esperienza del genere, ma preferisco vederla da qui».

Rocio Núñez. Sullo sfondo, l’attuale edificio del World Trade Center. /

mariaje alonso-round

Va detto che questo approccio a un atto terroristico non è stato il primo per lui, poiché due settimane prima un attacco dell’ETA all’aeroporto Barajas di Madrid ha catturato anche Santiago Moleón, che anche lui non ha dimenticato nel viaggio di ritorno da New York alla vigilia dell’11 settembre come diversi passeggeri arabi hanno alterato il volo, mettendo a disagio gli assistenti di volo con un nervosismo molto strano dovuto a una borsetta che non appariva. “Dopo l’11 settembre ho letto molto a riguardo, e si è saputo che c’erano cellule islamiste legate a quella diffusione in tutta Europa, alcune con sede a Barcellona. Poi, nel tempo, pensi che potrebbe essere un collaboratore in fuga», ricorda Moleón, che da allora non è più tornato in questa città ma spera di farlo presto con i suoi figli.

«I miei genitori hanno chiamato»

Più direttamente, Juan Manuel Benítez Fernel, anche lui di Badajoz, ha vissuto quello storico 11 settembre. È giornalista e lavora per il canale televisivo locale NY1, dove dirige e conduce il programma ‘Purapolitica’.

Juan Manuel è arrivato a New York 22 anni fa e i suoi ricordi di quel giorno sono narrati come se tutto fosse successo ieri. “Era una tipica mattina di settembre a New York, quando non fa più così caldo. Ricordo di aver pensato che bella giornata fosse. Sono andato nel mio ufficio sulla 57a strada e il portiere mi ha detto che un aereo si era appena schiantato. Sono andato a vedere cosa stava succedendo e ho messo sul canale di notizie locale NY1, che è curiosamente dove lavoro ora. Poi c’era già internet ma niente social, e appena ho acceso la tv i miei genitori mi hanno chiamato da Badajoz perché quello era un attacco trasmesso in diretta in tutto il mondo. New York, il Pentagono a Washington, l’aereo caduto in Pennsylvania… E da un momento all’altro potevano attaccare un altro bersaglio.

Questo giornalista dell’Estremadura dice che il giorno dopo ricorda la zona deserta e le strade deserte. «Per molto tempo c’è stata una nuvola di fumo sulla città, ma New York non si ferma e, nonostante uno shock di quel calibro, è tornata in attività e la ripresa si è messa subito in piedi».

Beatriz Delgado. /

OGGI

Benítez Fernel racconta che ogni anno quando arriva questa data ricapitolano quello che è successo nel 2001. Infatti, proprio all’inizio di questa videoconferenza, aveva appena intervistato un soccorritore che ha agito dopo quel massacro. Ogni anno che passa, dice, diventa più evidente come il mondo sia cambiato da allora, non solo in quel ‘Ground Zero’ oggi dedicato alle vittime.

“Oltre a cambiare il modo di salire su un aereo a causa dei controlli di sicurezza esistenti, molti americani sono diventati sospetti nel loro stesso paese a causa dell’origine delle loro famiglie o perché sono andati in una moschea. A New York, la polizia ha aumentato le proprie risorse ed è stata praticamente militarizzata, e in generale la spesa per la difesa nella maggior parte dei paesi è aumentata, perché quell’attacco che fa parte del nostro immaginario collettivo era un attacco alla civiltà occidentale. Non bisogna dimenticare che sia in Spagna nel 2004 che a Londra nel 2005 ci sono stati anche altri attentati, motivo per cui la comunità internazionale si è poi cacciata in avventure sanguinose, come le invasioni dell’Iraq o quella dell’Afghanistan appena conclusasi in un modo disastroso.’

Come spiega questo uomo dell’Estremadura, -insegna anche un master in giornalismo alla City University di New York-, la sensazione che c’è prima di questo anniversario è che ora devono affrontare un’altra sfida simile legata alla ripresa, ma questa volta per la pandemia .

Il giornalista dell’Estremadura Juan Manuel Benítez Fernel. /

OGGI

La crisi del coronavirus è stata uno shock, perché vent’anni fa era un attacco che probabilmente nessuno immaginava. L’11 settembre 2001 alle 9:03 – altre sei ore nella sua città natale, Aldeanueva de La Vera – Rocío Núñez era alla finestra della sua casa a Washington Square Park, nel sud di Manhattan. “Stavo osservando da qualche minuto”, ricorda, “perché mio marito era stato svegliato un po’ di tempo prima dicendogli che un piccolo aereo si era schiantato contro una delle Torri Gemelle, e lui ha insistito che mi guardassi vedere cosa è successo. Stavo guardando la prima torre quando ho visto apparire un aereo. Ho pensato ‘Arriva un aereo per aiutare le persone nella torre dove l’aereo si è schiantato’. E si scopre che l’aereo ha colpito l’altra torre. Ho visto perfettamente dalla mia finestra come il secondo aereo è entrato nell’altra torre. È stato impressionante. Qualcosa come un film. Sono rimasto stupito. È un’immagine che non dimenticherò nella mia vita.

Quello che è successo da allora in poi è noto in tutto il mondo, ma non è la stessa cosa viverlo in televisione come una passeggiata dal luogo in cui tutto stava accadendo. «Dalla finestra l’ho detto a mio marito», ricorda Rocío. Poi sono sceso in strada e c’erano molte persone, tutte con lo sguardo rivolto verso l’alto. Sono andato a casa e ho chiamato il mio capo, perché non ero sicuro se dovevo andare a lavorare o no. Siccome volevo andare, perché non pensavo che quello che stava succedendo fosse così brutto, sono andato in metropolitana, ma non funzionava più. Mi sono girato e sono tornato a casa, e lì gli amici hanno iniziato a presentarsi. Ci siamo messi insieme come venti spagnoli. Stavamo seguendo quello che stava succedendo, tutti molto nervosi, non sapendo cosa fare, e poi sono tornati a casa ognuno a piedi».

Un ricordo molto vivido

Rocío Núñez, che lavora come stilista e ‘personal shopper’ (consulente d’immagine) conosceva una delle torri. L’aveva visitata come turista e anche per vedere uno dei suoi clienti. «Li chiamavo Pili e Mili», evoca l’Estremadura, che da quella stessa finestra in cui vent’anni fa vide il secondo aereo schiantarsi sulla torre sud, oggi guarda il nuovo edificio del World Trade Center. «È stato molto bello, con la stazione dei trasporti di Calatrava (l’architetto spagnolo), che ha fatto un buon lavoro, ma ovviamente mi sono piaciute molto di più le Torri Gemelle».

Quelli che ha visto crollare in preda all’orrore. «Tutto a New York si è fermato con gli attentati – ricorda la donna dell’Estremadura». Per strada abbiamo visto persone che camminavano coperte di cenere. Hai offerto loro dell’acqua e non hanno reagito. Erano sotto shock, come tutti gli altri. Perché era qualcosa che non si poteva credere stesse accadendo… Che quelle due grandi torri siano cadute… È la cosa più impressionante che abbia mai visto».

Il giornalista Juan Manuel Benitez Fernel con sua madre poche settimane prima dell’11 settembre. Dietro di loro, le Torri Gemelle. /

OGGI

Vent’anni dopo, «ovviamente quello che è successo viene ricordato molto», osserva. «Ogni notte mettono luci molto potenti che puntano sull’infinito, in memoria delle persone che sono morte negli attacchi». Rocío Núñez non ha perso nessuno che conosceva quel giorno, ma era vicina. «Ho un amico basco che si è salvato perché era in ritardo al lavoro». E ricorda anche il caso dello psichiatra Luis Rojas Marcos, che conosce. Il prestigioso specialista era a quella data presidente della rete degli ospedali pubblici di New York – allora composta da undici complessi – e si salvò grazie al fatto che i cellulari erano rimasti senza segnale. Se avessero funzionato, non sarebbe uscito dalla torre sud per andare in strada, per trovare un telefono pubblico da cui coordinare l’emergenza sanitaria. Pochi minuti dopo aver lasciato quella torre, il secondo aereo si è schiantato contro di lei.

Quella stessa cosa, il calo della copertura telefonica, ha tenuto in sospeso per sei ore un’altra dell’Estremadura con l’anima. L’11 settembre, Beatriz Delgado Clemente, di Coria, viveva ad Harvard, dove studiava legge. “L’ho scoperto – ricorda telefonicamente dagli Stati Uniti, dove tuttora risiede – perché all’uscita da classe c’era molto rumore, la gente correva per i corridoi, e un collega polacco mi ha raccontato cosa stava succedendo e mi ha detto che dicevano che c’erano già centinaia di morti. Ero molto spaventato perché il mio ragazzo di allora, che ora è mio marito, era lì, in una delle torri. Sono andato in camera mia e l’ho chiamato al telefono, ma tutte le reti di comunicazione erano interrotte».

Incertezza e angoscia

Il suo compagno era nella torre sud, quella con il secondo impatto, perché lì facevano «gli ‘addestramenti’ (operazioni finanziarie)», ricorda Beatriz, che torna a Coria almeno ogni estate ea Natale. «Non sono riuscito a parlargli fino alle tre e qualcosa del pomeriggio. Lo ricordo bene per lo spavento tremendo e perché coincideva con l’ora del telegiornale in Spagna. In quelle sei ore senza saperlo, ho cercato di rassicurarmi pensando che avrebbe potuto lasciare la torre perché il suo lavoro era a piano terra, gli anni venti, ed è una persona fredda, ma con il passare delle ore poteva ancora non parlando con lui, per me era più difficile stare tranquilla».

In quella telefonata rassicurante sei ore dopo gli attacchi, Antonio (uno spagnolo di Castellón) ha detto a Beatriz che stava bene. “Mi ha spiegato che erano riusciti a lasciare la torre e che una volta in strada ha deciso di allontanarsi da quella zona. È uscito per una corsa e si è fermato solo trenta isolati dopo, che in una città come New York è una distanza importante. È riuscito a mettersi in salvo, ma non dimenticherà alcune delle scene a cui ha assistito. “Ha visto circa 16 persone gettarsi nel vuoto per suicidarsi – ricorda l’Estremadura -. Gente che ha saltato per mano».

Beatriz Delgado ha impiegato un mese per incontrare di nuovo il suo compagno, «perché dopo l’attentato la città era chiusa ed era impossibile entrarvi o uscirne». Quando possibile, si è recato a Boston e lei è stata in grado di abbracciarlo. Ma il ricordo della donna di Cáceres non finisce qui. «Sono rimasto molto colpito da quello che è successo dopo gli attentati. New York divenne una città fantasma, silenziosa e con un terribile odore di zolfo. E poco dopo è arrivata l’antrace, che ha anche generato molta preoccupazione. La paura di respirare si è stabilizzata. Erano tempi difficili. Tanto che vent’anni dopo, i quattro estremisti che hanno vissuto in prima persona la tragedia, non hanno dimenticato i dettagli.


Elena Resanes

Elena Resanes

Deja una respuesta

Tu dirección de correo electrónico no será publicada. Los campos obligatorios están marcados con *